Come scegliere il detergente intimo: una guida

Sappiamo davvero tutto su come scegliere il detergente intimo? In questo articolo parleremo proprio della corretta igiene intima, di come svolgerla e, soprattutto, di come scegliere il pH del detergente intimo.

  • Igiene intima

  • 14 Dic 2022

Oggi siamo abituati a considerare l’igiene intima come qualcosa di scontato, un argomento di cui sappiamo già tutto. Ma è davvero così oppure ci sono informazioni, ad esempio quelle relative alla scelta del pH del detergente intimo, che ancora non sono chiare? Secondo noi un ripassino serve sempre. C’è sempre qualcosa da imparare quando si tratta della salute della pelle!

pH intimo e igiene intima

Partiamo da una nozione di base, senza la quale mancherebbe un pezzo fondamentale: il pH intimo. Nell’articolo “pH fisiologico della pelle: cosa significa e quale detergente scegliere per proteggerlo” abbiamo affrontato la definizione di pH, ovvero la grandezza fisica con cui si esprime la basicità o l’acidità di una sostanza.

Cos’ha a che fare una grandezza fisica con la nostra igiene intima? Semplice: ogni zona del corpo possiede un proprio pH. Di conseguenza, anche le parti intime, al loro stato naturale, sono dotate di un proprio pH fisiologico. 

Il pH della nostra pelle è tendenzialmente acido: questo perché il film idrolipidico che avvolge la nostra cute è altrettanto acido. Tuttavia, cambiando zona del nostro corpo anche il nostro pH cambia. Presentandosi più acido o basico. Inoltre il pH si modifica con la crescita, l’età e diversi altri fattori (come sesso, clima, inquinamento, stile di vita, alimentazione). Insomma, è in continuo mutamento.

Nella donna, poi, il pH della zona intima varia a seconda del periodo che sta attraversando: età fertile, ciclo, gravidanza, menopausa. In linea di massima, comunque, si aggira intorno a  5. Se ti stai chiedendo come si colloca questo valore nella scala del pH, ma soprattutto qual è il valore del pH neutro, sappi che la scala del pH parte da un minimo di 0 a un massimo di 14: 0 è il massimo dell’acidità, 14 è il massimo della basicità. Pertanto, un pH neutro ha valore 7 e un pH 5 è leggermente acido.

L’importanza del detergente intimo

Qual è il legame tra pH e la nostra igiene intima? Abbiamo già accennato al fatto che se le nostre zone intime hanno un certo pH esiste un perché. In un ambiente acido, come quello rappresentato da una zona con pH 5, è più difficile per microrganismi e batteri proliferare. In un pH acido i patogeni faranno fatica a vivere e riprodursi, ed ecco perché è fondamentale non alterare il proprio pH fisiologico!

In che modo potremmo alterare il nostro pH (senza volerlo)? Scegliendo il detergente intimo, ahimè, non adatto a noi. Se il pH delle nostre zone intime aumentasse di alcalinità, cioè aumentasse verso valori vicino a 7, potremmo danneggiare le nostre difese naturali e rischieremmo di eliminare tutti i microrganismi “buoni” che vi abitano e proliferano: quegli stessi microrganismi buoni che, di fatto, contribuiscono a proteggerci.

Come scegliere il detergente intimo

Ormai risulta piuttosto evidente: la scelta del corretto detergente intimo è fondamentale per garantire il benessere del proprio intero organismo. E quindi, come orientarsi?

  • Anzitutto andrebbe scelto un detergente intimo con un pH adatto, ovvero intorno a 5. In questo modo il pH del prodotto, essendo “neutro” rispetto alla parte interessata, non rischierà di compromettere il delicato equilibrio della zona intima.
  • Se il dermocosmetico è dotato di azione di controllo microbico, ancora meglio. Rinforzerà l’effetto “barriera” nei confronti di microrganismi potenzialmente dannosi.
  • Attenzione anche alla formulazione: gli ingredienti devono essere di alta qualità, con azione lenitiva o decongestionante, per garantire anche una sensazione di freschezza alle mucose.

Per incontrare le esigenze di tutta la famiglia, noi di Dermon proponiamo due dermocosmetici di alta qualità, privi dei comuni allergeni e testati anche sulle mucose più delicate:

  • il Detergente Intimo pH 4.5, delicato ma capace di mantenere in condizioni ottimali la fisiologica microflora delle zone intime. Perfetto per tutti e per l’uso quotidiano.
  • • il Detergente Intimo pH 3.5, il dermocosmetico con pH leggermente più acido e pertanto capace di controllare la microflora quando più serve (durante il ciclo, nel post-partum, o quando si frequentano piscine e palestre).

Puoi trovare i dermocosmetici Dermon in tutte le farmacie e parafarmacie: cosa aspetti a provari? 

Websolute